Dona un farmaco a chi ne ha bisogno

9 febbraio 2013: giornata nazionale della raccolta del farmaco

 
 

"Nessun uomo è un'isola, completo in se stesso" scrive John Donne nella sua poesia Per chi suona la campana,  e oggi è più che mai importante dimostrare con i fatti che nessun membro della società è abbandonato e solo.

Per dimostrarlo, il 9 febbraio, sarà possibile acquistare e donare a persone meno abbienti farmaci di automedicazione. La Fondazione Banco Farmaceutico Onlus promuove ormai da 12 anni la Giornata Nazionale della Raccolta del Farmaco in collaborazione con Federfarma e la Compagnia delle Opere Sociali che hanno raccolto fino ad ora farmaci per un totale di 17 milioni di euro.

 

I dati sulle spese mediche in Italia: Durante i periodi di crisi economica molti dei tagli che le famiglie devono effettuare al budget familiare riguardano le spese mediche. Secondo i risultati di un sondaggio effettuato dall'Istituto Freni Ricerche di Marketing, la diminuzione delle spese mediche degli italiani si attesta intorno all'11%. Allo stesso tempo il 26% della popolazione (su base campionaria) ha speso di più, rispetto agli anni precedenti, a causa dell'incremento dei costi delle prestazioni mediche. Un 10% invece si è visto costretto a rinunciare o a rinviare interventi chirurgici a causa di un disagio economico. Infine, le visite generaliste presso il medico di famiglia sono in costante aumento a fronte di una marcata diminuzione delle visite specialistiche.

 

Perché donare un farmaco? Donare un farmaco di automedicazione è un gesto semplice per aiutare le famiglie economicamente disagiate che altrimenti dovrebbero rinunciare a curarsi, con conseguenze secondarie anche considerevoli e in alcuni casi perfino invalidanti. A volte basta poco per migliorare la vita di una persona: in caso di problemi di salute, quel poco può essere un semplice farmaco di automedicazione.

 

Come partecipare all'iniziativa: il 9 febbraio, 3200 farmacie e più di 12.000 volontari,  distribuiti su tutto il territorio, prenderanno parte all'iniziativa per la raccolta dei farmaci di automedicazione. I medicinali verranno in seguito distribuiti a 1400 enti assistenziali italiani che offrono aiuto a oltre 500.000 persone che non riescono a far fronte alle spese primarie.

Per maggiori informazioni potete contattare il numero verde gratuito messo a disposizione per fornire indirizzi e modalità della raccolta farmaci.

Img 2013_23

Cos'è un farmaco di automedicazione?

I farmaci di automedicazione, o più comunemente farmaci da banco, sono tutta una classe di medicinali per l'acquisto dei quali non è necessario presentare una ricetta medica. Sono farmaci che si sono dimostrati sicuri, efficaci e facili da utilizzare e che sono comunemente usati dalla popolazione per curare disturbi lievi o passeggeri che tuttavia possono influenzare pesantemente lo svolgimento delle attività quotidiane o che addirittura, se non curati, possono degenerare in patologia più gravi.

 

Logo -bollino

 

I farmaci di automedicazione sono riconoscibili dal bollino rosso posto sul lato della scatola o, nei paesi anglosassoni, dalla sigla OTC (Over The Counter).

 

 

 
 
 

 
UN PROGETTO DI:
sissa
ricerca&medicina è un'iniziativa del progetto commHERE finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del Settimo Programma Quadro (FP7).
commHerehorizonHealth