Malati di crisi

Progetti Europei: SOPHIE La crisi colpisce maggiormente gli uomini delle donne. Perché?

 
http://commons.wikimedia.org/wiki/User:Russavia
 
 
Esperti e organizzazioni sociali mettono in guardia sugli effetti negativi che la crisi economica ha sulla salute della gente. Un nuovo studio condotto dall'agenzia sanitaria spagnola rivela un aumento dei problemi di salute mentale tra gli uomini spagnoli.
 
 
La disoccupazione è un noto fattore di rischio per la salute mentale
L'articolo, pubblicato sulla rivista European Journal of Public Health, è firmato da ricercatori dell'Agenzia di Sanità Pubblica di Barcellona (ASPB) e dall'Università di East Anglia (Regno Unito) due istituti che partecipano al progetto SOPHIE, un progetto di ricerca europeo a cui partecipa anche l'Università di Torino (UNITO) - con il Dr. Giuseppe Costa e la Dr.essa Chiara Marinacci - insieme al SiTI (Higher Institute on Territorial Systems for Innovation), un'associazione non-profit fondata nel 2002 dal Politecnico di Torino e la Compagnia di San Paolo.
         
"Grazie a questo studio, per la prima volta, abbiamo visto quello che sta succedendo in tutta la popolazione" spiega Xavier Bartoll, primo autore dello studio. "Abbiamo anche scoperto che i cambiamenti non sono omogenei, ma differiscono per sesso, età e status socio-economico."
Infatti, il declino della salute mentale negli uomini non è uniforme, ma si concentra in una fascia d'età che va dai 35 ai 54, con occupazioni manuali, istruzione primaria o secondaria. Il fenomeno risulta essere più pronunciato tra gli immigrati.
Il risultato è un significativo aumento delle disuguaglianze di salute tra le diverse fasce socio-economiche.
Il questionario utilizzato nel campo della salute mentale è stato sviluppato dal National Health Survey e considera sintomi come ansia e depressione. Gli autori sottolineano che l'aumento dei sintomi negli uomini sembra essere dovuto principalmente all'alto tasso di disoccupazione, un noto fattore di rischio per la salute mentale. Un altro studio pubblicato di recente, ha rilevato un aumento dei suicidi tra gli uomini di mezza età.
                
Viceversa, lo studio ha evidenziato un miglioramento tra le donne che hanno lavoro. "E' possibile che, nonostante la crisi e le forti difficoltà economiche, molte donne stiano vivendo un maggiore riconoscimento sociale e familiare assumendo per la prima volta e in maniera massiccia il ruolo di capofamiglia" afferma Bartoll.
 
Risultati in breve:
- Questo studio mostra un deterioramento della salute mentale tra gli uomini durante la crisi economica in Spagna, soprattutto tra quelli in posizione socio-economica svantaggiata.
- Tra le donne, è stato rilevato un leggero miglioramento della salute mentale, specialmente tra quelle che lavorano.
- L'influenza delle disuguaglianze socio-economiche sulla salute mentale è più pronunciata tra gli uomini, che non tra le donne.
 
 
 

 
UN PROGETTO DI:
sissa
ricerca&medicina è un'iniziativa del progetto commHERE finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del Settimo Programma Quadro (FP7).
commHerehorizonHealth